sabato 19 dicembre 2009

San Gregorio Armeno, la via dei presepi



La tradizione presepiale non può prescindere da Napoli, la nostra bella città là dove l'arte del presepe coinvolge e seduce per tutto l'anno ma, ovviamente, nel periodo natalizio l'atmosfera è resa ancora più incantevole per la presenza dei numerosi mercatini che si concentrano soprattutto nel suo cuore più antico, quello di San Gregorio Armeno, in un dedalo di vicoli che si colorano di vita e di luci.
Passeggiando tra le caratteristiche botteghe, si possono ammirare i capolavori degli artigiani che espongono ogni anno le loro novità; non si può perdere l'occasione di acquistare una delle tante statuine che ritraggono i tradizionali personaggi legati alla Natività oppure caricature di vip o altri soggetti legati al mondo della politica e del gossip.


Una strada stretta e in salita, posta nel cuore di Napoli, ospita centinaia di botteghe e laboratori artigiani di "arte presepiaria". Il presepio, si sa, è una tradizione antica e ricchissima a Napoli e questa via ne è il fulcro. Già ai primi di novembre, è difficile camminare, guardare, fotografare. A dicembre, vicino alle feste, è impossibile anche provarci. Il presepe si costruisce l'8 dicembre. Si tira fuori le casette e la grotta, oppure l'ambiente già predisposto, che verrà animato dalle statuette dei pastori. E' di buon augurio aggiungerne una ogni anno.


Le botteghe sono piene di statuine. Se non bastano gli scaffali, gli angeli possono volare appesi a nastri colorati. La scelta è incredibile: ci sono statuette di ogni foggia e colore, ci sono i mercanti, i pastori, le statue vestite, quelle di gesso, quelle piccolissime, anche solo 2 o 3 centimetri, e quelle più grandi, fino a 30.
Il presepe napoletano non è solo artigianato e tradizione popolare ma rappresenta anche una forma di elevata espressione artistica da ammirare presso il Museo di San Martino dove è conservata la più grande raccolta presepiale d' Italia. Courtesy of©Portanapoli.com












6 commenti:

  1. Miryam, mi hai fatto un regalo magnifico...
    Quanto colore tra noi...non si trova da nessuna parte.
    Mi sono commossa.
    Verrò ancora qui.

    RispondiElimina
  2. ...e quanto calore tra noi...

    RispondiElimina
  3. Stella ... ti voglio bene ...
    Come si vede che in una persona le proprie radici non saranno mai bannate dalla propria vita e dal proprio modo di essere.
    Sei una "napoletana" o quasi ... irpina eheheheh ( ma è la stessa cosa) ... nel cuore e nell'anima.
    Si, il calore non ci manca .. è inscritto nel nostro dna... ce lo ha trasmesso la nostra terra.
    Un bacio!

    RispondiElimina
  4. Hai perfettamente ragione.
    Non a caso siamo in perfetta sintonia...

    RispondiElimina
  5. Miryam,
    Dos Açores,
    - Obrigado.
    Viva o Natal!
    Feliz 2010!

    RispondiElimina
  6. Proprio Napoletana DOC.
    Ciao Miryan. Sei GRANDE, grazie per divilgare l'arte e la "napolitanieta" nel mondo.
    Maurizio

    RispondiElimina